Un attento, oltre che qualificato, lettore del nostro dossier su Emilio Servadio, ci ha fatto pervenire un lungo elenco di domande cui abbiamo deciso dare, parziale, pubblica risposta. Non esimendoci dal chiedergli, a nostra volta, che senso abbia dilungarsi ulteriormente su antiche polemiche (come quella della quale pur siamo a conoscenza, che ha visto contrapposti: l’illustre studioso della psiche ed il professore Luciano Raffaele di Santadomenica, Rettore della Schola Italica) sulle quali i decenni trascorsi e la sopravvenuta scomparsa dei protagonisti, imporrebbero un definitivo oblio. Ancora: è possibile affermare con certezza, esistere, avendolo personalmente consultato l’autore delle presenti note, l’archivio del conte Ricciardo Ricciardelli, cui si riferisce il nostro documentato lettore. Corrisponde quindi a verità, quanto affermato dal Santadomenica a riguardo del fondo Kremmerz da lui posseduto. Cosa impossibile a dirsi, invece, è dove detto materiale, anzi il cuore del carteggio, possa attualmente trovarsi. Affermano di nulla sapere, pure le francescane suorine, indiane, della Congregazione di San Luigi Gonzaga, che ebbero ad occuparsi degli ultimi anni di vita del direttore dei Quaderni della Schola Italica, con caritatevole, cristiana, cura; divenendone eredi. Ultimo: nessun rapporto di “organica filiazione”, ma un semplice pubblico avvallo; come per altro documentato, anche, dalla cronaca riportata nelle pagine seguenti.

Approfittiamo della presente per confermare pure l’esattezza di quanto intuito da un, altrettanto attento, nostro lettore dell’articolo Marianna Leibl, di P.C., che riconosce nella giovane donna ritratta accanto alla Leibl, l’attuale responsabile di una importante organizzazione internazionale. Neghiamo, nel contempo, esserci mai stato alcun rapporto, diretto o indiretto, fra la “Consulta” e l’organizzazione della quale, siamo certi, deve aver fatto parte anche il nostro amico lettore e, presumiamo, con una carica direttiva di rilievo; abbiamo indovinato?  

Immagini materiale d'archivio C.N.I.I.T.