PER UN'ARTE DELL'ARTE

LA FRUIZIONE ESTETICA DELLA BELLEZZA (IL RASA DELLA LETTERATURA SANSCRITA)

PUÒ EDUCARE LA MENTE ED IL CUORE

 

L’INTENSIFICAZIONE DELLA SENSIBILITA’ INDIVIDUALE ATTRAVERSO IL GODIMENTO DELL’ARTE

PREPARA E INDUCE L’ESPERIENZA SPIRITUALE DELLO YOGIN CHE ATTRAVERSO L’EMOZIONE

SUSCITATA DAL BELLO APPRODA ALLA MENTE UNIFICATA

 

SE L’UNIVERSO E’ UN GRANDE FLUSSO PULSANTE DI ESSENZA E DI MANIFESTAZIONE,

IL RASA E’ LA SOSTANZA FLUIDA DI TALE FLUIDO

Oggi anche il grande pubblico conosce, seppur superficialmente, molte delle discipline artistiche, tradizionali, orientali che hanno pure valenza di Vie, percorsi realizzativi. È nostro intendimento soffermarci su alcune di esse, ad iniziare dalla presentazione di una delle meno note, quella del Suiseki.

È questa un’arte - della raccolta, valorizzazione ed esposizione delle “pietre lavorate dall’acqua”-  portata dai Giapponesi a livelli di eccezionale perfezione estetica. Tale disciplina si origina, almeno duemila anni or sono, in Cina (gongshi) per diffondersi in molti altri paesi orientali quali la Corea (suseok) fino ad  essere oggi praticata in tutto il mondo: con migliaia di appassionati estimatori, una sofisticata editoria specializzata, seguitissime mostre e rassegne mercato, numerose associazioni nazionali che raggruppano amatori di ogni continente. Considerata la natura di questo sito, si è ritenuto opportuno presentare un contributo specifico della “S.I.S.-Suiseki Italian Style” una associazione che si distingue dalle altre per l’approccio “Tradizionale” scelto, che enfatizza gli aspetti connessi alla dimensione interiore, alla spiritualità, alla meditazione. Nel concludere si ritiene opportuno ribadire che le valenze di questa disciplina rendono la pratica dell’apprezzamento delle pietre d’esposizione, una autentica “tecnica” di realizzazione interiore: Dō, per i Giapponesi. 

A seguire alcune considerazioni di Dalmazio Frau. A chiudere un  prezioso contributo dottrinario sullo yoga (già apparso su DIAPASON-Rassegna Stampa delle Scienze dell’Io, aprile 1990, Ed La Stanza Segreta dell’Uomo) di Pio Filippani Ronconi; eccezionale personaggio che nella sua straordinaria esperienza esistenziale ha dimostrato di possedere entrambe le qualificazioni di kshatriya e brahmano. Ultimissime  le  segnalazioni editoriali di due interessanti opere: “La tradizione estetica giapponese” di Laura Ricca e "La Dea che scorre" di Gioia Lussana . Una menzione particolare merita il lungo viaggio nell'affascinante universo delle icone, attraverso la produzione del Maestro Constantin Udroiu, ove saremo accompagnati dalla sapienza e sensibilità della Prof.ssa  Luisa Valmarin.